Questo sito web usa i cookie

Il sito 2000sub.org utilizza cookie, anche di terze parti. Cliccando su Accetto o continuando la navigazione nel sito acconsenti all'uso di questi cookies.
Accetto
Informazioni

Massacro di delfini in Giappone. Fermiamo la mattanza!

Come tutti sappiamo il Giappone è purtroppo sinonimo di caccia alle balene, ma forse alcuni non sanno che può essere anche sinonimo di caccia ai delfini.
Immaginavamo i delfini a riparo dalle mattanze riservate a tonni, balene e altri splendidi abitanti degli oceani. Invece in Giappone il magnifico tursiope non gode di nessun trattamento di favore ed è preda dei pescatori esattamente come i pesci.

Da ottobre ad aprile, al largo della baia di Taiji in Giappone ogni anno avviene un massacro: da 20.000 a 22.000 delfini di specie diverse (stenelle, tursiopi , globicefali e focene) vengono abbattuti durante ogni stagione di pesca, con modalità che le associazioni ambientaliste ed animaliste definiscono "barbare e crudeli", come del resto si può facilmente vedere nel video. E nonostante lo sdegno e le continue proteste che arrivano da tutto il mondo, in Giappone nessun argomento riesce a fare presa né sul governo, che continua a permettere questi stermini, né sui pescatori.
La Sea Shepherd è un'associazione statunitense da anni attiva nella lotta a difesa di delfini, balene e foche. "E' un vero e proprio crimine autorizzato dal governo nipponico" denunciano gli attivisti dell'associazione, che quest'anno hanno deciso di filmare e fotografare la mattanza in modo da documentarla e testimoniare la barbarie.

Il video, che circola su diversi siti e che anche noi proponiamo, testimonia il terribile sterminio di un grandissimo numero di delfini e si fatica a credere che queste scene atroci siano reali e possano accadere, ma purtroppo è tutto vero.

I Giapponesi sono abili nell'inventare metodi semplicissimi, in questo caso usano una specie di barriera sonora ad alta frequenza, così i delfini, non potendo andare verso il mare aperto, sono costretti a rifugiarsi nella baia dove decine se non centinaia di arpioni li attendono. Il tutto perché la carne di delfino, come quella di balena, è molto apprezzata al prezzo di circa duemila yen (100 euro) al chilo.

Secondo quanto dichiarato da Ric O’ Barry, esperto di Mammiferi Marini dell'associazione internazionale One Voice, che ha assistito ad una di queste stragi e ha realizzato il filmato, "i pescatori portano le barche in alto mare la mattina presto alla ricerca delle rotte migratorie dei delfini. Una volta localizzati i branchi si servono di emettitori di suoni ad altissima frequenza in modo da disturbare il loro sonar e disorientarli. A questo punto comincia il massacro. I delfini, in preda alla confusione, vengono circondati da più imbarcazioni e costretti in acque basse dove vengono circondati da reti e massacrati a colpi di machete, lance e altre armi a lama. Il mare diventa rosso sangue!".

"I delfini adulti - ha continuato Ric O’ Barry - cercano di proteggere, inutilmente, i piccoli. I maschi, a costo della loro stessa vita, cercavano di difendere i cuccioli frapponendosi tra i pescatori e i loro arpioni. Li ho sentiti piangere e gridare di paura. Ho visto cetacei sottoposti a cose orrende nella mia vita, ma mai paragonabile a quanto ho visto a Taijii. È ora di dire basta a questa barbarie".

La carne di delfino viene spesso venduta illegalmente come carne di balena e utilizzata per l'alimentazione umana, nonostante numerose ricerche scientifiche abbiano dimostrato che sia ricca di mercurio e altri metalli pesanti, ddt e altri pericolosi contaminanti, gravemente tossici per la salute umana.
Nella carne di delfino venduta in Giappone, il contenuto di mercurio rilevato è in media 900 volte al di sopra del limite massimo consentito dalla legge. Gli scarti della carne di delfino vengono anche utilizzati come cibo per animali e come fertilizzante.

Sono pochi i delfini che si salvano da questo massacro, e quelli che ci riescono finiscono in delfinari o in parchi, dove conducono una misera vita in una prigione con le pareti di vetro, spesso lasciandosi morire di inedia. Delfino
ATTENZIONE! Questo video contiene scene violente che potrebbero impressionare le persone più sensibili, pertanto ne consigliamo la visione ad un pubblico adulto e consapevole.
Massacro di delfini

FIRMA LA PETIZIONE!

Anche tu puoi contribuire a cercare di fermare questo barbaro massacro, firmando la petizione on-line: http://www.petitiononline.com
Riportiamo qui sotto il testo della petizione, tradotto in italiano.

Al Primo Ministro del Giappone

Primo Ministro del Giappone
Sig. Shinzo Abe
1-6-1 Nagata-cho 1 Chome
Chiyoda-ku, Tokyo 100-8968 JAPAN

Egregio Primo Ministro Abe,
siamo scandalizzati dal brutale massacro dei delfini e delle balene che annualmente si tiene in Giappone. Le immagini delle acque insanguinate mostrano chiaramente al mondo che il Giappone ha poco rispetto per lo stato degli oceani e per la conservazione delle risorse marine che dichiara di supportare. Molti studi scientifici mostrano che gli oceani sono in declino. Dobbiamo intraprendere ogni azione necessaria per fermare il loro sfruttamento e per proteggere le creature che li abitano. Questi delfini non appartengono al Giappone. Le specie di delfini e balene che uccidete sono considerate minacciate, a rischio oppure il loro stato è ancora sconosciuto.
E' uno scempio inimmaginabile farli diventare un prodotto a base di carne o venderli ingannevolmente come carne di balena, inquinati come sono con livelli tossici di mercurio e di cadmio, uccidendo la gente che li mangia. E' tragico ed inaccettabile che i delfini che non vengono uccisi saranno destinati a morire in un acquario, in un parco acquatico, o in uno spettacolo "nuota con i delfini".

Inoltre, i metodi impiegati per uccidere questi animali sono crudeli.
Rinchiudere i delfini nelle baie, poi uccederli tra atroci sofferenze con arpioni e ganci, o annegandoli, è un modo disumano di pesca. Questo fatto è disgustoso ed ha causato grande disappunto nella Comunità internazionale. Richiediamo che il Giappone rinunci e fermi per sempre ed immediatamente questo massacro. Lavoreremo fermamente per informare il mondo finchè non cesserete la vostra inaudita violenza.